cover Giovenone

Due nuove mostre al Museo Borgogna dal 10 marzo

Una nuova opera entra nelle collezioni del Rinascimento del Museo Borgogna.
La pala d’altare attribuita a Gerolamo Giovenone è stata acquisita da Banca Patrimoni Sella & C. che ne ha sostenuto il restauro e ha deciso di collocarla in museo vicino agli altri capolavori dello stesso artista e dei suoi comprimari.
Gerolamo Giovenone un capolavoro ritrovato è il racconto di un dipinto ritrovato che dopo più di 450 anni ritrova, grazie a un mecenatismo virtuoso, una sua destinazione pubblica. L’artista fu uno dei protagonisti della pittura piemontese del primo Cinquecento accanto a Eusebio e Defendente Ferrari, Gaudenzio Ferrari e Bernardino Lanino.

La grande tavola che raffigura l’Adorazione del Bambino con Santi costituisce la testimonianza più interessante della collaborazione con Bernardino Lanino e della loro vicinanza a Gaudenzio.
Il suo arrivo arricchisce il corpus del pittore all’interno di un nucleo museale già rilevante che permette confronti e percorsi di approfondimento su tutti i protagonisti di questa felice stagione artistica e sulle tecniche delle botteghe pittoriche, come l’uso dei “cartoni” oggi conservati all’ Accademia Albertina di Torino.

Intorno a quest’opera si snoda la mostra Il Rinascimento vercellese attraverso l’obiettivo fotografico di Boeri, Masoero e Giachetti che scopre l’inedito patrimonio fotografico storico del Museo e dell’Archivio Fotocronisti Baita, attraverso le immagini di tre importanti fotografi tra Otto e Novecento: Pietro Boeri, che fissò su lastra le opere di Gaudenzio Ferrari in San Cristoforo, Pietro Masoero, sperimentatore delle prime fotografie a colori e Luciano Giachetti che documentò alcuni momenti della mostra del 1956 su Gaudenzio Ferrari, ospitata al Museo Borgogna.
Un’opportunità per visitare le chiese e i musei cittadini sulle tracce di Giovenone e dei protagonisti del Rinascimento a Vercelli.


Giovenone_capolavoro ritrovato_angelo

Eventi a corollario della mostra

A partire da sabato 24 marzo il Museo propone un ciclo di appuntamenti di approfondimento alla mostra .

Scarica il programma degli appuntamenti di aprile

Attività per le scuole 

La sezione educativa propone a tutti gli studenti dalla Scuola Primaria alla Secondaria di Secondo grado il percorso didattico Le botteghe di famiglia con possibilità di laboratorio pratico di spolvero o di tempera all’uovo.
Per informazioni e prenotazioni: Sezione Educativa 0161.252764 (dal martedì al venerdì)

Attività per i giovani e le famiglie

La sezione educativa propone gli appuntamenti infrasettimanali di Giochi d’Arte, visite accompagnate alla mostra dedicate ai bambini con adulti, con brevi attività ludiche differenziate per fasce d’età e altri laboratori il sabato pomeriggio.

Scarica il programma degli appuntamenti per i giovani (4-7 anni e 8-11 anni)

Visite guidate per gruppi

Su prenotazione al numero 0161 252764 o all’indirizzo didattica@museoborgogna.it

Orari fino al 2 aprile

Da martedí a venerdí: 14.30 – 17.30
sabato: 14.00 – 18.00
domenica: 10.00 – 12.30 e 14.00 – 18.00
(al mattino su prenotazione per scuole, gruppi e singoli)

Orari dal 3 aprile al 1° luglio

Da martedì a venerdì: 15.00 – 18.00
sabato: 14.00 – 18.00
domenica: 10.00 – 12.30 e 14.00 – 18.00
(al mattino su prenotazione per scuole, gruppi e singoli)

Aperture straordinarie

Pasqua e Pasquetta: 10.00 – 12.30 e 14.00 – 18.00
25 aprile, 1° maggio e 2 giugno: 15.00 – 18.00

Biglietti

€ 10,00 intero, € 8,00 gruppi e convenzionati, visitatori Pinacoteca dell’Accademia Albertina, e visitatori mostra “Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari”
Gratuito per Abbonati Torino Musei e bambini in età non scolare

Info

Museo Borgogna
Via Antonio Borgogna 4 – 13100 Vercelli
Tel. 0161 252764
info@museoborgogna.it
facebook: Museo Francesco Borgogna

Ideazione, organizzazione e sede espositiva

Vercelli, Museo Borgogna

Sostenitori

Banca Patrimoni Sella & C,

Compagnia di San Paolo,

Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli

In collaborazione con

Soprintendenza Archeologia,

Belle Arti e Paesaggio

per le province di Biella, Novara,

Verbano Cusio Ossola e Vercelli

Accademia Albertina di Belle Arti di Torino

Con il patrocinio di

Comune di Vercelli

Restauro realizzato da

Thierry Radelet, Torino

Laboratorio Alinari Firenze

Alta sorveglianza

dott.ssa Sofia Villano, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio

per le province di Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola e Vercelli

Allestimento

Eventi & Progetti, Biella